Au Pair negli States

Ragazza alla pari negli Stati Uniti…

47436240_344629456332159_8522260888260968448_nDove è cominciato il tutto? Principalmente dentro di me, dalla mia volontà di continuare a stupirmi di fronte a nuove realtà e viaggiare ancora. Nel mio caso i viaggi hanno portato altri viaggi, è diventata come una droga, una di quelle cose delle quali non puoi fare senza! Avevo già viaggiato con EF (Education First), una compagnia che organizza vacanze studio e soggiorni linguistici all’estero e, grazie ad essa, ho conosciuto Cultural Care che fa parte delle stessa agenzia ma si occupa di lavoro negli Stati Uniti come ragazza alla pari. Avevo questa idea già dal terzo superiore, ma dovevo aspettare di compiere i 18 anni per poter partire, cosi nel frattempo mi sono informata e ho iniziato a fantasticare su come potrebbe essere stata questa esperienza. Era ancora una idea molto lontana e incerta perché avrei potuto cambiare idea col passare degli anni. Durante il quinto superiore ho deciso di iscrivermi al sito e cercare di iniziare a concretizzare questa idea, si trattava di trascorrere un anno negli Stati Uniti prendendosi cura dei bambini, quindi univa l’occasione di migliorare l’inglese, guadagnare e viaggiare, non dimenticando però che l’obbiettivo principale era prendersi cura dei bimbi della famiglia ospitante. Nel frattempo ho valutato tutte le possibili esperienze che avrei potuto fare per continuare a viaggiare e lavorando allo stesso tempo cosi da arricchire anche il mio curriculum, io ferma proprio non ci so stare! Ho fatto un colloquio per entrare a far parte di Eden viaggi per poter lavorare in villaggi turistici come animatrice e mi avevano scelta. Altro sogno nel cassetto che avevo era quello di partecipare a Donnavventura, un programma che va in onda su rete 4, nel quale le protagoniste seppur lavorando hanno l’occasione di viaggiare tantissimo! Cosi, ho deciso di partecipare alle pre-selezioni e due giorni prima della terza prova di maturità, sono andata con una amica, la quale ringrazio tantissimo per avermi fatto compagnia in questa mia folle idea, a Milano per fare il provino di pre-selezione! Le probabilità di entrare a far parte del team sono davvero pochissime ed infatti non avevo tutti i requisiti necessari e le ragazze partecipanti erano tantissime, però fare il provino e aver avuto l’occasione di conoscere il team è stata una esperienza allo stesso tempo appagante, una di quelle esperienze che ti dà la forza di riprovarci ancora! Nel frattempo ero costantemente alla ricerca di una famiglia ospitante e ricordo ancora l’emozione di quando la prima famiglia si è messa in contatto con me, si, le famiglie vedono le informazioni di noi au pair ma noi possiamo vedere le famiglie ospitanti solo quando loro ci contattano. Sono stata contattata da varie famiglie tra cui una della California, del Tennessee e di Seattle. La famiglia con cui ho avuto più feeling è la mia attuale famiglia ospitante, di Greenwich in Connecticut. La posizione in cui mi trovo è davvero bella, immersa nella natura e in una zona tranquillissima, a due passi dal centro e a soli 45 minuti di treno o macchina dalla grande mela, New York City.

English Version

Au Pair in the States

Au Pair in the United States …

47436240_344629456332159_8522260888260968448_n

Where did it all begin? Mainly inside me, from my will to continue to amaze me in front of new realities and travel again. In my case, travel has led to other journeys, it has become like a drug, one of those things you can’t do without! I had already traveled with EF (Education First), a company that organizes study holidays and language stays abroad and, thanks to it, I met Cultural Care who is part of the same agency but works as an au pair in the United States. . I had this idea already from the upper third, but I had to wait until I was 18 to leave, so in the meantime I informed myself and started fantasizing about how this experience might have been. It was still a very distant and uncertain idea because I could have changed my mind over the years. During the fifth year I decided to sign up for the site and try to start implementing this idea, it was about spending a year in the United States taking care of children, so it combined the opportunity to improve English, earn and travel, not forgetting however, the main objective was to take care of the children of the host family. In the meantime I evaluated all the possible experiences that I could have done to continue traveling and working at the same time so as to enrich my resume, I just can’t stay there! I did an interview to become part of Eden trips to work in tourist villages as an animator and they had me chosen. Another dream I had was to participate in Donnavventura, a program that broadcasts on network 4, in which the protagonists, although working, have the opportunity to travel a lot! So, I decided to participate in the pre-selections and two days before the third maturity test, I went with a friend, who I thank so much for keeping me company in this crazy idea of ​​mine, in Milan to do the pre-selection audition ! The chances of joining the team are very few and in fact I didn’t have all the necessary requisites and the girls involved were so many, but making the audition and having had the opportunity to get to know the team was at the same time a rewarding experience, one of those experiences that gives you the strength to try again! In the meantime I was constantly looking for a host family and I still remember the excitement of when the first family got in touch with me, yes, families see the information of us au pairs but we can only see host families when they contact us. I have been contacted by various families including one from California, Tennessee and Seattle. The family I had the most feeling with is my current host family, from Greenwich, Connecticut. The position I am in is really beautiful, surrounded by nature and in a very quiet area, a stone’s throw from the center and only 45 minutes by train or car from the big apple, New York City.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...