Once upon a time in…

Aprirsi alle novità è una forma del viaggiare, dell’esser pronti a tutto.

Oggi ho deciso di raccontarvi un’esperienza di recitazione che intrapresi ad Hollywood.

Tutti, chi più, chi meno hanno un sogno nel cassetto, quel sogno che si tende a custodire segretamente perché forse più grande di noi o quel sogno di cui facciamo esempi ipotetici e ironizziamo sopra perché considerato “impossibile”.

Un sogno che può essere comune a molti o uno di quelli in cui semplicemente si vorrebbe provare come ci si sente una volta realizzato. Alcuni sogni sono destinati a rimanere tali se decidiamo di non coltivarli ma a volte nella nostra vita vogliamo intraprendere strade diverse da quei sogni e quindi per l’appunto si rimane col desiderio di sapere come sarebbe stato.

Cresciuta a ritmo di film hollywoodiani non potevo che ambire anche io almeno una volta nella vita di poter essere una di quelle protagoniste dei film o poter recitare e diventare magari un’attrice. Tutti almeno una volta nella vita saremmo voluti essere i protagonisti di quelle storie cosi belle da riuscire ad emozionarci da dietro uno schermo. Quelle storie di coraggio, adrenalina o magari strappalacrime.

Sono sempre stata attratta dal mondo del cinema in quanto se una storia di un film è stata scritta, da qualche parte deve pur nascere l’ispirazione. Mi sono sempre incuriosita su come funzionasse il processo e il lavoro che noi tutti spettatori non possiamo vedere se non tra qualche “gaf” nei titoli di coda.

Viaggiando decisi cosi di visitare gli universal studios (California), gli walt Disney studios (Parigi), la Warner bros (California), gli studi di Bollywood (India) e una scuola di recitazione.

Emozionata nel vedere set di film famosi, i costumi di scena, le attrezzature, le location e ogni singolo dettaglio che ti faceva sognare, trasportandoti in un’altra dimensione, decisi di partecipare ad un workshop di recitazione ad Hollywood alla New York Film Academy nella sede di Hollywood.

Un’esperienza breve ma intensa in quanto le ore di teoria ma soprattutto pratica erano circa 8 al giorno. Questa esperienza mi ha regalato senza dubbio nozioni e tecniche in più su questa professione ma soprattutto per la vita.

La recitazione non è finzione, è l’attore che lavora con le sue emozioni, passate e presenti. Recitare è trasferire la vita reale davanti alla telecamera. Recitare è la possibilità di essere sé stessi nei panni di altri, immedesimandosi in quel contesto e situazione, agendo di conseguenza. Recitare è utilizzare il proprio corpo come strumento e mettere in gioco tutte le proprie emozioni e ogni proprio aspetto.

Recitare dà la possibilità di sfogare emozioni tenute nascoste, di scavare nel passato e in eventi ai quali in realtà non si vorrebbe più pensare o vivere emozioni e vicende che si vorrebbe vivere ma che nella realtà non è stato ancora possibile.

Questa esperienza mi ha regalato tanto in emozioni. Recitare per dei cortometraggi nel backlot degli Universal Studios, sul set Western dove è stato girato il film “Once upon a time in Hollywood” con Brad Pitt e Leonardo Di Caprio è stato elettrizzante. Essere li con studenti locali e internazionali, in quel di Hollywood in una calda giornata a recitare ruoli diversi utilizzando emozioni diverse del mio essere è stato un altro segnale che mi ha fatto capire quando sia importante lavorare per realizzare ciò che si vuole.

Rimanere col dubbio di “chissà come sarebbe stato” non fa per me e non dovrebbe essere per nessuno.

La vita è un film, l’unica pecca è che non ce lo fanno rivedere. Rimane tutto dentro di noi, siamo la cassetta della nostra sceneggiatura e il vinile della nostra melodia. Nessun suggeritore. Solo figuracce e tante risate. Nessuna telecamera nascosta. Nessuno che ci dice come sbagliare, siamo già bravi a farlo da soli. La vita è un film e gli alti e bassi fanno parte della stessa commedia. Le gioie e i dolori alimentano il pianoforte delle nostre emozioni.

Oltre, sempre.

English Version

Once upon a time in…

Opening up to news is a form of travel, of being ready for anything.

Today I decided to tell you about an acting experience I took in Hollywood.

Everyone, some more, some less have a dream in their drawer, that dream that tends to be kept secretly because it is perhaps bigger than us or that dream of which we hypothetical examples and ironically above because it is considered “impossible”.

A dream that can be common to many or one in which you would simply like to feel how it feels once you have realized it. Some dreams are destined to remain such if we decide not to cultivate them but sometimes in our life we want to take different paths from those dreams and therefore we remain with the desire to know how it would have been.

Raised to the rhythm of Hollywood films, I could only aspire at least once in my life to be one of those protagonists of the films or to be able to act and maybe become an actress. All at least once in our life we would have liked to be the protagonists of those stories so beautiful as to be able to excite us from behind a screen. Those stories of courage, adrenaline or maybe tear-jerking.

I have always been attracted to the world of cinema because if a story of a film has been written, inspiration must arise somewhere. I have always been curious about how the process and the work that we all viewers can not see except among some “gaf” in the credits.

Traveling, I decided to visit Universal Studios (California), Walt Disney Studios (Paris), Warner bros (California), Bollywood studios (India) and an acting school.

Excited to see sets of famous films, stage costumes, equipment, locations and every single detail that made you dream, transporting you to another dimension, I decided to participate in an acting workshop in Hollywood at the New York Film Academy in Hollywood venue.

A short but intense experience as the hours of theory but above all practical were about 8 per day. This experience has undoubtedly given me more knowledge and techniques on this profession but above all for life.

Acting is not fiction, it is the actor who works with his emotions, past and present. Acting is transferring real life to the camera. Acting is the possibility of being oneself in the shoes of others, identifying oneself in that context and situation, acting accordingly. Acting is using your body as a tool and putting all your emotions and every aspect into play.

Acting gives you the opportunity to vent emotions kept hidden, to dig into the past and events that you really don’t want to think about or experience emotions and events that you would like to experience but which in reality has not yet been possible.

This experience gave me so much in emotions. Acting for short films in the Universal Studios backlot, on the Western set where the film “Once upon a time in Hollywood” was shot with Brad Pitt and Leonardo Di Caprio was electrifying. Being there with local and international students, in that of Hollywood on a hot day to play different roles using different emotions of my being was another signal that made me understand when it is important to work to achieve what you want.

Staying with the doubt of “who knows what it would have been” is not for me and should not be for anyone.

Life is a film, the only flaw is that they don’t let us see it again. It remains all within us, we are the cassette of our script and the vinyl of our melody. No prompter. Just fool and lots of laughter. No hidden cameras. Nobody who tells us how to make mistakes, we are already good at doing it alone. Life is a movie and the ups and downs are part of the same comedy. The joys and sorrows feed the piano of our emotions.

Besides, always.

Published by

2 risposte a "Once upon a time in…"

  1. chissà che emozione trovarsi su quei set cinematografici! Non dev’essere facile come carriera ma posso solo immaginare cosa si debba provare a farlo come professione. Un sogno che per molti si è trasformato in realtà, chissà magari ti avremmo vista in qualche film… 😉

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...