Gennaio 18, 2021

Cristalloterapia

 

Viaggiare mi ha fatto cogliere la bellezza delle diverse culture e mi ha insegnato i tanti aspetti in cui possiamo vedere la vita. Visitare l’India, una terra lontana, un mix di colori, odori e sapori che travolgono, mi ha spinta ancora di più ad interrogarmi sulla cultura orientale e sul mondo delle medicine alternative.

Il mio non viaggiare fisicamente dovuto alla situazione mondiale della pandemia, mi ha aperto gli orizzonti del viaggio da un punto di vista olistico, ovvero ciò che riguarda il benessere mentale, psicologico e fisico. Sono da sempre curiosa di ciò che è oltre la materia, di ciò che non possiamo vedere.

In questo”viaggio olistico” tra le varie nozioni e conoscenze, mi sono avvicinata ancora di più alla cosiddetta “cristalloterapia” cioè una terapia a livello energico, un modo per connettersi con noi stessi e col mondo del “sottile”, dell’invisibile, in una maniera molto più profonda.

I cristalli vengono usati da secoli ed erano visti come dei doni provenienti dal ventre della madre terra. Sono stati utilizzati da medici e sciamani per affermare la loro autorità. Le proprietà delle pietre sono state attribuite sin dall’antichità dai popoli di tutto il mondo nonostante essi non potevano comunicare tra di loro.

I cristalli sono principalmente minerali, ma non tutti i minerali sono cristalli. Il cristallo è una struttura solida costituita da molecole, atomi e ioni e hanno una struttura geometricamente regolare.

Le proprietà dei cristalli possono essere legate a livello fisico quindi alla chiarezza, durezza e profondità oppure possono essere a livello metafisico e legate alle proprietà vibrazionali ed energetiche del cristallo stesso.

Un esempio: come un fiore emette la sua fragranza nell’aria, il cristallo emette le sue vibrazioni energetiche che sono in grado di influenzare l’ambiente in cui si trova o il corpo con cui il cristallo viene direttamente a contatto.

Perché utilizzare i cristalli e a cosa ci servono?

Ricordiamoci del fatto che tutto è energia e ognuno di noi ha una “energia vitale”. Questa “energia vitale” dovrebbe essere fluida e in grado di scorrere verso tutte le direzioni e quando questo accade, ci sentiamo completamente connessi e all’unisono con la Terra.

La nostra energia vitale attraversa i nostri 7 Chakra ovvero quelle parti che corrispondono a dei punti nevralgici o a degli organi. Quando questa energia non scorre correttamente significa che abbiamo dei blocchi energetici e questo lo si manifesta con il nostro umore e modo di sentirci.

La cristalloterapia ci aiuta ad agire direttamente a sbloccare e rimuovere questi “blocchi energetici” grazie alle proprietà del cristallo che entra in contatto con il nostro corpo.

Ci sono anche altre tecniche di lavoro energetico, la cristalloterapia è solo una di queste.

I cristalli necessitano di essere puliti in quanto, oltre che trasmettere energia, sono anche in grado di assorbirla e per questo è fondamentale pulirli abitualmente, anche dopo ogni utilizzo se sono venuti a contatto col proprio corpo. E’ importante pulire anche quelli che indossiamo sotto forma di collana, anello e possiamo fidarci del nostro intuito sul quando farlo. Una volta a settimana o due può andar bene. Bisogna ricordarsi di pulire anche quelli a scopo decorativo a casa, in ufficio, almeno una volta ogni due settimane o una volta al mese.

Appena acquistate dei cristalli inoltre è bene pulirli perché portano con sé l’energia di tutte le persone che l’hanno toccato in quel determinato negozio.

Quando si va a pulire i cristalli è bene porre la nostra attenzione nell’atto di pulizia, immaginando che qualsiasi tipo di energia negativa che è stata trattenuta dal nostro cristallo si sta trasformando in energia positiva.

Tra i metodi più sicuri per pulire i cristalli troviamo:

-piante sacre (perché sono erbe purificatrici)  come per esempio la salvia, il palo santo, il copale.

-con l’acqua, solo nel caso che il cristallo abbia un valore superiore a 5 secondo la scala di Mohs, cioè quell’unità di misura che viene utilizzata per valutare la durezza dei materiali.

-con il suono, se non abbiamo una campana tibetana a disposizione possiamo utilizzare YouTube. La frequenza 528, chiamata anche “frequenza del miracolo” serve a rigenerare e purificare il nostro DNA e ovviamente anche a ricaricare e pulire i nostri cristalli. E’ una frequenza che dona armonia, pace all’ambiente e allo stato mentale e spirituale.

-bagno di luna, cioè esporre i cristalli al fascio di luna quando si trova in fase di luna nuova o piena. La luce della luna è meravigliosa per pulire i cristalli e noi stessi. Se abbiamo un terrazzo coperto o sul davanzale e  il fascio di luna non è diretto va comunque bene, ricordiamoci che la luna agisce sulle maree anche quando è nuvoloso.

-con la terra, mettendo i cristalli direttamente a contatto con la terra e lasciarli li per qualche ora o 24 ore.

-con altri cristalli, che a loro volta sono già stati purificati

-con il sale, visto le sue proprietà purificatrici e il dono di assorbire energie negative. Si possono prendere due coppe di ceramica, mettere il sale in una coppa e come una matrioska, mettere il cristallo in una ciotola più piccola, cosi non è direttamente a contatto col sale ma hanno comunque la capacità e lo spazio di poter assorbire le proprietà benefiche e purificatrici del sale.

         

English Version 

Crystal therapy

Traveling made me grasp the beauty of different cultures and taught me the many aspects in which we can see life.Visiting India, a distant land, a mix of colors, smells and flavors that overwhelm, pushed me even more to question myself about oriental culture and the world of alternative medicines.

My not traveling physically due to the world situation of the pandemic, has opened the horizons of travel to me from a holistic point of view, that is, what concerns mental, psychological and physical well-being. I have always been curious about what is beyond matter, about what we cannot see.

In this “holistic journey” between the various notions and knowledge, I got even closer to the so-called “crystal therapy” that is a therapy at an energetic level, a way to connect with ourselves and with the world of the “subtle”, the invisible, in a much deeper way.

Crystals have been used for centuries and were seen as gifts from the womb of mother earth. They have been used by doctors and shamans to assert their authority. The properties of the stones have been attributed since ancient times by peoples from all over the world although they could not communicate with each other.

Crystals are mainly minerals, but not all minerals are crystals. The crystal is a solid structure made up of molecules, atoms and ions and have a geometrically regular structure.

The properties of the crystals can be linked on a physical level and therefore to clarity, hardness and depth or they can be on a metaphysical level and linked to the vibrational and energetic properties of the crystal itself.

An example: as a flower emits its fragrance in the air, the crystal emits its energetic vibrations which are able to influence the environment in which it is located or the body with which the crystal comes in direct contact.

Why use crystals and what do we need them for?

Let us remember that everything is energy and each of us has a “life energy”. This “life energy” should be fluid and able to flow in all directions and when this happens, we feel completely connected and in unison with the Earth.

Our vital energy passes through our 7 Chakras or those parts that correspond to nerve points or organs. When this energy does not flow correctly, it means that we have energy blocks and this is manifested by our mood and way of feeling.

Crystal therapy helps us to act directly to unblock and remove these “energy blocks” thanks to the properties of the crystal that comes into contact with our body.

There are also other energy work techniques, crystal therapy is just one of them.

The crystals need to be cleaned as, in addition to transmitting energy, they are also able to absorb it and for this reason it is essential to clean them regularly, even after each use if they have come into contact with your body. It is also important to clean the ones we wear in the form of a necklace, ring and we can trust our intuition about when to do it. Once a week or two can be fine. Remember to also clean those for decorative purposes at home, in the office, at least once every two weeks or once a month.

As soon as you buy crystals, it is also good to clean them because they carry with them the energy of all the people who have touched it in that particular shop.

When we go to clean the crystals it is good to put our attention in the act of cleaning, imagining that any kind of negative energy that has been held by our crystal is turning into positive energy.

Among the safest methods for cleaning crystals we find:

-sacred plants (because they are purifying herbs) such as sage, Palo Santo, Copal.

-with water, only if the crystal has a value greater than 5 according to the Mohs scale, that is the unit of measurement that is used to evaluate the hardness of materials.

-with sound, if we don’t have a Tibetan bell available we can use YouTube. The 528 frequency, also called the “miracle frequency” serves to regenerate and purify our DNA and of course also to recharge and clean our crystals. It is a frequency that gives harmony, peace to the environment and to the mental and spiritual state.

– moon bath, i.e. exposing the crystals to the moon beam when it is in the new or full moon phase. Moonlight is wonderful for cleaning crystals and ourselves. If we have a covered terrace or on the windowsill and the moon beam is not direct it is still fine, remember that the moon acts on the tides even when it is cloudy.

– with the earth, placing the crystals directly in contact with the earth and leaving them there for a few hours or 24 hours. -with other crystals, which in turn have already been purified -with salt, given its purifying properties and the gift of absorbing negative energies. You can take two ceramic cups, put the salt in a cup and like a matryoshka, put the crystal in a smaller bowl, so it is not directly in contact with the salt but still have the capacity and the space to be able to absorb the beneficial properties and purifiers of salt.

     

Subscribe to the newsletter

Fames amet, amet elit nulla tellus, arcu.

Leave A Comment